Fondo Nuove Competenze: funzionamento e novità

Il Fondo Nuove Competenze (abbreviato spesso con FNC) è una misura introdotta dal governo Conte nel 2020 per sostenere le aziende italiane durante la pandemia di Covid 19.

Il Fondo Nuove Competenze permette ai datori di lavoro di formare i propri dipendenti durante l’orario di lavoro e ricevere un contributo economico pari al costo orario di ogni lavoratore.

Con FNC il costo orario dei lavoratori in formazione è a carico del fondo e non del datore di lavoro.

Il fondo intende supportare il miglioramento delle competenze dei lavoratori e della competitività aziendale, soprattutto in momenti in cui la produttività non è a pieno regime. Il fondo nuove competenze si pone quindi come una alternativa alla cassa integrazione, ma anche ad altri strumenti di finanziamento come i fondi interprofessionali. E’ una novità nel panorama degli strumenti di finanziamento per la formazione continua dei lavoratori e ha caratteristiche specifiche che ora vedremo.

Cos’è il Fondo Nuove Competenze e cosa finanzia

Il FNC è una misura di politica attiva finanziata dal Fondo Sociale Europeo e gestita da ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro). Dalla sua pubblicazione nel 2020 ha visto una serie di decreti, note operative e note interpretative che ne hanno precisato le modalità attuative e che sono riportate nel sito di ANPAL.

fondo nuove competenze anpal
La pagina di Anpal dedicata al Fondo Nuove Competenze

La caratteristica principale del FNC riguarda il fatto che se una azienda decide di mettere in formazione i suoi dipendenti durante l’orario di lavoro, il costo orario dei lavoratori in formazione è sostenuto dal fondo.

L’azienda che intende accedere a questa misura presenterà ad ANPAL un progetto formativo e un accordo sindacale collettivo di rimodulazione dell’orario di lavoro. L’accordo sindacale evidenzia che per mutate esigenze produttive l’azienda ha deciso di destinare parte dell’orario di lavoro a percorsi formativi. Nella richiesta di finanziamento l’azienda dovrà inoltre inserire il costo orario di ogni dipendente in formazione.

simulazione fondo nuove competenze esempio
Esempio di calcolo del finanziamento FNC con i criteri del 2021

Il Fondo Nuove Competenze 2021: come funziona il primo avviso

Il Fondo Nuove Competenze ha fatto il suo esordio a fine 2020, in seguito al decreto legge “Rilancio” (art. 88 del decreto legge 19 maggio 2020, n. 34, modificato dall’art. 4 del decreto legge 14 agosto 2020, n. 104). Le aziende hanno potuto presentare la domanda di finanziamento su questo bando fino al 30 giugno 2021, data di scadenza per la presentazione dei progetti.

La prima edizione del Fondo Nuove Competenze presentava le seguenti caratteristiche:

  • fino a 250 ore di formazione per ogni dipendente
  • possibilità di erogare formazione con modalità training on the job
  • possibilità di utilizzare personale interno come docente
  • al termine degli interventi formativi, deve essere prevista una certificazione/messa in trasparenza delle competenze
  • la formazione deve essere erogata in un periodo di tempo ristretto (nel 2021 erano 90gg) ma possono essere previste delle proroghe

Hanno usufruito del primo avviso Fondo Nuove Competenze sia piccole aziende che grandi, con progetti più o meno lunghi, a riprova del fatto che è uno strumento che ha incontrato le necessità specifiche di diverse tipologie di azienda. I primi monitoraggi mostrano una diffusione “a macchia di leopardo” con imprese beneficiarie soprattutto in LAZIO e LOMBARDIA.

richieste di contributo fnc presentate
Le richieste di contributo FNC presentate (dal rapporto della Corte dei Conti Deliberazione 12 aprile 2022)

Quello che è sicuro è che a fronte di una platea di aziende che hanno usufruito del FNC nel 2021, l’interesse del mondo del lavoro è cresciuto via via e in molti hanno auspicato una nuova edizione di questo bando.

Il fondo nuove competenze 2022: modalità e requisiti

Dalla scadenza della presentazione delle domande a giugno 2021, molte aziende italiane si stanno chiedendo quando sarà rifinanziato il FNC. Come è noto, una buona quota dei soldi del PNRR è stata destinata proprio al rifinanziamento del fondo nuove competenze, in ragione del successo che ha riscontrato per la sua modalità innovativa.

Le caratteristiche del Fondo Nuove Competenze 2022 sono, per quanto se ne sa finora:

  • abbassamento delle aliquote
  • ammissibilità di progetti su tematiche specifiche: come transizione digitale e green economy
  • estensione del periodo di erogazione: 120 giorni per erogare la formazione

Come si accede al Fondo Nuove Competenze: presentare il progetto ad ANPAL

Le prime istanze presentate prevedevano una modalità di presentazione del Fondo Nuove Competenze tramite PEC inviata direttamente ad ANPAL, successivamente ANPAL stessa ha predisposto una piattaforma specifica, all’interno di MYANPAL (https://myanpal.anpal.gov.it/myanpal/).

Nella sezione FNC di MYANPAL ogni azienda può procedere all’inserimento del progetto formativo, dell’accordo sindacale e dei dati quantitativi richiesti. Inoltre sempre dall’area riservata è possibile verificare lo stato dell’istruttoria, inserire integrazioni e presentare il rendiconto una volta terminate tutte le attività.

scrivania FNC sito anpal
La sezione Fondo Nuove Competenze all’interno di MYANPAL

Domande frequenti sul Fondo Nuove Competenze

Il Fondo Nuove Competenze rappresenta una innovazione nel mondo della formazione finanziata italiana. Per questo motivo, proviamo a rispondere ad alcune delle domande più frequenti su questo strumento. Per quesiti più tecnici è sempre possibile approfondire la sezione FAQ sul sito di Anpal o rivolgersi al supporto tecnico dell’avviso, cui rimandiamo per ogni informazione ufficiale.

Differenza tra FNC e fondi interprofessionali

La principale differenza tra Fondi Interprofessionali e Fondo Nuove Competenze riguarda l’oggetto del finanziamento:

  • i Fondi Interprofessionali finanziano il costo della docenza
  • il Fondo Nuove Competenze finanzia il costo orario dei dipendenti in formazione

L’avviso FNC prevede inoltre la possibilità che l’azienda presenti una istanza FNC congiuntamente ad un Fondo Interprofessionale, in questo modo è possibile quindi finanziare sia il costo orario dei lavoratori sia il costo del docente.

Il FNC conviene alle imprese italiane?

Per rispondere a questa domanda servirebbe una consulenza per valutare lo specifico caso aziendale. In linea generale si può però dire che il fondo nuove competenze è un ottimo strumento per tutte quelle aziende che hanno necessità di fare formazione su un buon numero di ore e per molteplici dipendenti. In realtà non ci sono limiti minimi, quindi si può presentare una istanza FNC anche per un solo dipendente.